L’IDEALE DEL SINODO TEDESCO

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Schermata-2020-06-30-alle-09.56.40.png

di Matteo Maria Donati

Domani 4 Settembre i vescovi tedeschi voteranno un documento sulla sessualità, in cui si avanzano proposte che rivoluzionano il concetto di fertilità, aprendo anche alle relazioni omosessuali e all’omogenitorialità, oltre che alla contraccezione e al sesso fuori dal matrimonio religioso.

Già nel Dicembre scorso l’episcopato tedesco aveva dato il via al “Percorso sinodale della Chiesa in Germania”, che nel giro di due anni è intervenuto su moltissimi temi di carattere sia dottrinale che pastorale. Il documento che sarà votato domani avrà il titolo: “Vivere relazioni riuscite. Vivi l’amore nella sessualità e nella collaborazione”.

I punti problematici di questo documento sono più di uno. Al punto 2.1 si legge: “L’apertura alla trasmissione della vita non è fattore decisivo per ogni singolo atto sessuale individuale, ma deve essere presente nel corso generale di una relazione vincolante e di lungo termine”. In questo passaggio si vuole affermare che non tutti gli atti sessuali sono potenzialmente fertili (basti pensare ai periodi infertili delle donne, ad alcune patologie e all’età dei coniugi), e che anche gli atti potenzialmente fertili possono diventare infertili per volontà della coppia. Coppia che, è bene sottolinearlo secondo il documento, può solamente convivere e non essere legata a nessun vincolo coniugale, unico contesto per la dottrina Cattolica in cui un nuovo essere umano può lecitamente venire concepito.

In merito alla possibilità di escludere il fine procreativo nei rapporti coniugali così scriveva Paolo VI nell’ Humanae vitae:

“La Chiesa insegna che qualsiasi atto matrimoniale deve rimanere aperto alla trasmissione della vita. Viene altresì esclusa ogni azione che, o in previsione dell’atto coniugale, o nel suo compimento, o nello sviluppo delle sue conseguenze naturali, si proponga, come scopo o come mezzo, di impedire la procreazione”. Questa affermazione è certamente ripresa dall’art. 2366 del Catechismo della Chiesa Cattolica. Quindi è comprensibile che sarà messa ai voti la liceità della contraccezione.

Nel punto n. 3 del documento dei vescovi tedeschi sta scritto: “Noi estendiamo il concetto di fertilità oltre il criterio dell’apertura ad una nuova vita e proponiamo di assegnare una dimensione sociale e personale alla fertilità di ogni essere umano”. Se quindi il termine “fertilità” acquisisce qui un valore nuovo, ossia non significa più solamente la capacità di concepire ma anche quella di acquisire un suo profilo sociale, ciò vuol dire che anche le coppie omosessuali sarebbero “fertili”. Il documento infatti continua: “anche le coppie dello stesso sesso e altre coppie che non possono dare alla luce una nuova vita hanno un potenziale per una vita fertile”. Tradotto: anche i membri di una coppia omosex possono diventare genitori, seppur non in senso biologico ma comunque in senso sociale. Rimane molto chiara, come diretta conseguenza di questa affermazione, la volontà del clero e dell’episcopato tedesco di benedire le relazioni omosessuali, a cui si accompagna una lode: “Apprezziamo i diversi orientamenti sessuali e le diverse identità di genere delle persone, nonché le relative relazioni di coppia a lungo termine, fedeli ed esclusive”. Dunque l’importanza diviene, nelle pagine del documento, la fedeltà nella relazione, non il tipo di relazione. Bisogna anche specificare che l’episcopato tedesco propone di eliminare il divieto ad avere rapporti sessuali al di fuori del vincolo matrimoniale:

“Vediamo il matrimonio come il modo preferito ma non l’unico per vivere l’amore e la sessualità in una relazione”.

Le affermazioni che domani saranno discusse e votate aprono ad uno scenario le cui tappe potrebbero essere quelle di un processo rivoluzionario ed eretico, intrapreso non solo dall’episcopato tedesco ma anche dalle chiese locali in Europa.

Non ci resta che attendere gli eventuali sviluppi, a partire dalla giornata di domani. Sviluppi che forse porteranno i Cattolici fedeli alla Tradizione bimillenaria della Chiesa a defilarsi definitivamente e a cercare strade alternative, nelle quali potranno continuare a professare la loro fede.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è b4246265-d08d-4a57-b53c-1fce9de28699.jpg