Raggio di Luce Attiva | 144000raggidiluceattiva

LITURGIA DELLA PAROLA Colore liturgico:  Viola

III Settimana del Tempo di Quaresima

PRIMA LETTURA

Dal libro del profeta Osea 6,1-6

VENITE, RITORNIAMO AL SIGNORE

«Venite, ritorniamo al Signore: egli ci ha straziato ed egli ci guarirà.

Egli ci ha percosso ed egli ci fascerà.

Dopo due giorni ci ridarà la vita e il terzo ci farà rialzare, e noi vivremo alla sua presenza.

Affrettiamoci a conoscere il Signore, la sua venuta è sicura come l’aurora.

Verrà a noi come la pioggia d’autunno, come la pioggia di primavera che feconda la terra».

Che dovrò fare per te, Èfraim, che dovrò fare per te, Giuda?

Il vostro amore è come una nube del mattino, come la rugiada che all’alba svanisce.

Per questo li ho abbattuti per mezzo dei profeti, li ho uccisi con le parole della mia bocca e il mio giudizio sorge come la luce:

poiché voglio l’amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio più degli olocàusti.

PAROLA DI DIO Rendiamo grazie a Dio

SALMO RESPONSORIALE

Dal Salmo 50

VOGLIO L’AMORE E NON IL SACRIFICIO

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;

nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità.

Lavami tutto dalla mia colpa, dal mio peccato rendimi puro.

Tu non gradisci il sacrificio; se offro olocàusti, tu non li accetti.

Uno spirito contrito è sacrificio a Dio; un cuore contrito e affranto tu, o Dio, non disprezzi.

Nella tua bontà fa’ grazia a Sion, ricostruisci le mura di Gerusalemme.

Allora gradirai i sacrifici legittimi, l’olocàusto e l’intera oblazione.

Raggio di Luce Attiva | 144000raggidiluceattiva

PAROLA DI DIO Rendiamo grazie a Dio

VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca 18,9-14

IL PUBBLICANO TORNÒ A CASA GIUSTIFICATO, A DIFFERENZA DEL FARISEO

In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.

Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano.

Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.

Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo:

“O Dio, abbi pietà di me peccatore”.

Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato,

perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Raggio di Luce Attiva | 144000raggidiluceattiva

PAROLA DEL SIGNORE Lode a Te, o Cristo.

MEDITAZIONE

La parabola odierna ci racconta un brano evangelico pungente, che scuote fortemente e totalmente la vita cristiana e religiosa.

Due uomini che vanno al tempio per pregare.

Con la preghiera, la persona si manifesta ed emerge sia nel suo modo di rapportarsi con Dio,

mostrando la sua disponibilità spirituale, sia nel modo di relazionarsi con il prossimo, indicando la sua sensibilità sociale ed ecclesiale.

Infine essa pone l’uomo in relazione con se stesso, con i sentimenti più veri, con i pensieri più intimi.

Nel racconto si inserisce un terzo personaggio, quello principale: Dio, che guarda, ascolta, scruta, giudica.

Nel santuario: il fariseo “sta in piedi”, non ha timore di Dio, è sicuro della sua giustizia, è un osservatore scrupoloso della legge.

Nel suo pregare il fariseo sembra rivolgere le parole a se stesso, compiacendosi con sé e mostrando di essere soddisfatto.

Il discorso comincia con queste parole: “O Dio ti ringrazio”, l’atto di ringraziare, presuppone il riconoscimento del dono ricevuto, mentre poi non si rivolge al Signore,

si auto-compiace di tutto ciò che ha fatto di bene e non loda Dio.

In lui non c’è spazio per ringraziare e riconoscere la generosità divina.

La sua preghiera, al contrario, contiene un elenco di ciò che egli ha fatto.

In questo modo pensa di ottenere meriti da Dio, con l’unica intenzione di essere da lui apprezzato e ricompensato della sua bravura.

Dall’altra parte, il pubblicano sta in piedi, come il fariseo, però si ferma a distanza;

sa di essere un indegno per stare in quel luogo.

Si pone lontano anche dagli altri fedeli, consapevole delle sue miserie.

Con lo sguardo abbassato in terra per la vergogna.

Il suo cuore è diretto verso Dio per chiedere misericordia.

In segno di pentimento e di dolore si batte il petto, la sede dei sentimenti del suo peccato.

Questo proviene da lui solo; non si auto-giustifica né incolpa gli altri.

Con questi gesti esterni egli vuole esprimere una profonda disposizione interiore alla contrizione.

Infine il pubblicano dirige al Signore una invocazione, ridotta all’essenziale: “O Dio, abbi pietà di me, il peccatore”.

Con il cuore contrito e umiliato, si rimette semplicemente a Dio, con la fiducia trepida che Egli, che scruta i cuori degli uomini, gli perdonerà tutto.

Così il pubblicano discende dal tempio e torna a casa giustificato.

Il Signore è propizio a lui peccatore, sinceramente pentito, e lo rende giusto, riammettendolo nella sua divina amicizia.

Ne esce un uomo trasformato, sanato, purificato, restituito alla vita di fede.

La preghiera del misero è stata ascoltata da Dio, che dona a lui la totale salvezza.

WELCOME IN 144000RAGGIDILUCEATTIVA‼️

SIAMO RIEMERSI DALLE PIEGHE DEL TEMPO PER PROIETTARTI NEL FUTURO